SERVIZIO CLIENTI

Il mio carrello:
0 articolo - 0,00 €
Non hai articoli nel carrello.

0

Problemi Urinari

 

  • Palma nana – Radice di ortica - NutriLife Shop
    26,90 €

    Palma nana – Radice di ortica

    -- 60 capsule vegetali - 2 mesi --
    Il duo per riprendere il controllo sulla vostra prostata, signori!
  • Urinary Comfort - NutriLife Shop
    22,50 €

    Comfort urinario - Urinary Comfort

    -- 60 capsule vegetali --
    Infezioni urinarie, scegli un sollievo 3 in 1 ! 
  • Goldenseal -  NutriLife Shop
    22,50 €

    Goldenseal

    -- 50 capsule vegetali - 570 mg --
    Il trio antibiotico, antivirale e antisettico naturale

3 Prodotti/o

Griglia  Lista 

Problemi urinari

Infezioni urinarie (uretrite, cistite, pielonefrite), prostatite, incontinenza… Tanti i problemi che generando dolore e fastidio, ma soprattutto, tanti gli inconvenienti che possono velocemente diventare un flagello nel quotidiano e impedirvi di vivere serenamente…

La vescica ha come funzione l’immagazzinamento dell’urina prodotta dai reni. Questo organo composto da una riserva estensiva, può raddoppiare la sua dimensione quando piena, arrivando a contenere fino a 700ml di urina.

La cistite: la cistite è un’infezione della vescica, spesso di origine batterica. Esistono diversi tipi di cistiti: infettiva, interstiziale, dovuta a una radiazione terapeutica o a una chemioterapia, a dei funghi, a un trattamento farmacologico o a una lesione traumatica. La cistite può essere acuta o cronica, recidivante. I sintomi fastidiosi si manifestano con stimoli incessanti di urinari, minzione di solo qualche goccia, accompagnata da bruciori, urina maleodorante, dolori al basso ventre, grande stanchezza e, in alcuni casi, presenza di sangue o pus nelle urine.

Il batterio più spesso responsabile della cistite (acuta o cronica) è l’Escherichia coli. Si ricorre agli antibiotici per eradicare il problema evitando la sua ascesa verso i reni e alleviare rapidamente i sintomi. Ciononostante, in caso di recidive frequenti, bisogna considerare altre strategie per evitare lo sviluppo dei ceppi batterici resistenti ai trattamenti classici. Il D-Mannose e il cranberry fanno parte delle soluzioni naturali ed efficaci in caso di cistiti di origine batterica.

La pielonefrite: può essere una complicazione della cistite. L’infezione colpisce la parte alta delle vie urinarie a livello del bacinetto renale e del parenchima e si propaga verso i reni. La pielonefrite trova la sua origine in un’infezione della flora intestinale, genitale o cutanea. Essa necessita anche di un trattamento antibiotico per attenuarne i sintomi e distruggere il batterio in causa (il più frequente è l’Escherichia coli).

L’incontinenza urinaria: chiamata anche fuga urinaria, può comparire a qualunque età. Contrariamente a quanto si crede, le fughe urinarie non sono ad appannaggio dell’invecchiamento. L’incontinenza urinaria colpisce più spesso le donne degli uomini. Si tratta di una questione anatomica. L’uretra della donna è più corta di quella dell’uomo e la fuga urinaria è quindi facilitata. Questo scomodo problema urinario può essere dovuto a un rilascio degli sfinteri, a un indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico che sostengono la vescica o a difficoltà della contrazione della vescica.

Esistono diversi tipi di incontinenza urinaria: l’incontinenza per l’irreprensibilità provocata dallo stimolo di urinare impossibile da trattenere, l’incontinenza da sforzo seguita dall’incontinenza per parto o per operazione chirurgica. L’indebolimento del pavimento pelvico è la causa dell’incontinenza da sforzo. I sintomi dell’incontinenza da sforzo: fuga urinaria quando tossite, starnutite, sollevate un peso. L’incontinenza da sforzo è difficilmente gestibile nella misura in cui è inaspettata e non si manifesta uno stimolo a urinare. Le soluzioni più frequenti contro l’incontinenza da sforzo: la rieducazione del pavimento pelvico, l’assunzione di farmaci o integratori associati a chinesiterapia, un intervento chirurgico che permetta di supplire al muscolo del pavimento pelvico se le soluzioni precedentemente citate non dovessero funzionare.

L’incontinenza post-parto: è molto frequente dopo la gravidanza e necessita di una rieducazione del perineo per irrobustire il pavimento pelvico.

I fastidi urinari generati dai problemi della prostata

Passati i 40 anni, la prostata si ingrossa inevitabilmente e, oltre a ostacolare lo svuotamento della vescica, comprime l’uretra impedendo anche all’urina di evacuare correttamente: getto debole, stimolo incessante di urinare, sensazione di sollevo parziale, bruciori al momento della minzione, impressione di “non aver finito di urinare”, dolori al basso ventre, sessualità alterata… Tante le manifestazioni che possono essere attenuate naturalmente con l’aiuto della radice di ortica, delle bacche di Sabal, polline di fiore di segale, ecc.