Nicturia: Le soluzioni in cui credo!

NicturiaPiù della metà delle donne e più di un terzo degli uomini si alzano di notte per urinare. La nicturia è la causa più frequente di interruzione del sonno, che non è priva di conseguenze negative sulla qualità della vita, lo stato emotivo e l’autostima. La nicturia è normalmente causata da malattie comuni come l’incontinenza, le infezioni urinarie o l’ipertrofia prostatica benigna.

Quali sono le altre cause della nicturia?

La nicturia colpisce spesso le persone ansiose, angosciate e insonni che non riescono a chiudere occhio di notte. È generalmente aggravata dallo stress, dai pensieri negativi e dall’ovulazione.

La nicturia può essere dovuta al consumo di grandi quantità di bevande o di farmaci diuretici a fine giornata. Fa parte anche della sfilza di piccoli disturbi in gravidanza.
La nicturia può essere legata all’invecchiamento della vescica e quindi a una minore capacità vescicale (quantità di urina contenuta nella vescica quando si sente il bisogno di urinare).

La nicturia può verificarsi quando la muscolatura liscia della vescica (detrusore) si contrae involontariamente anche se la vescica non è ancora piena. Si tratta di iperattività vescicale che si accompagna spesso a una perdita involontaria di urina.

La nicturia può essere causata dall’inibizione della secrezione di ormone antidiuretico (vasopressina), il cui ruolo è quello di prevenire un’eccessiva immissione di liquidi nella vescica. L’alcool è l’inibitore più potente della vasopressina. Un grande consumo di bevande alcoliche di sera aumenta il volume delle urine, il che comporta minzioni notturne frequenti.

Infine, la nicturia colpisce spesso le persone afflitte da insufficienza cardiaca congestizia, diabete, insufficienza epatica e da carcinoma della vescica o della prostata.

Uno stimolo troppo frequente ad urinare di notte, cosa fare?

Ecco un elenco di soluzioni per la nicturia che puoi attuare immediatamente come aiuto:
Consulta un urologo per stabilire una diagnosi precisa e un trattamento convenzionale per la nicturia a cui è possibile aggiungere beneficamente alcuni integratori alimentari. In particolare, puoi consultare le cause e le conseguenze di questo disturbo sul loro sito.
Non provare a ridurre il consumo di liquidi per andare meno spesso in bagno, poiché l’idratazione è indispensabile per una buona salute. Evita di bere in tarda serata e di assorbire un volume considerevole di bevande in un colpo solo.

Se soffri di stimoli insopportabili ad urinare, non cercare di trattenerti, gli spasmi urinari sono così energici che le urine verranno espulse dal tuo corpo in modo completamente incontrollabile.

Rinforza la vescica. Gli esercizi di Kegel fortificano i muscoli pelvici che sostengono la vescica. Grazie al rafforzamento di questo gruppo muscolare, l’uretra si richiude adeguatamente e trattiene l’urina all’interno della vescica, contribuendo alla gestione della nicturia.

E per quanto riguarda gli integratori alimentari?

Gli integratori alimentari sono un ottimo aiuto per il trattamento naturale della nicturia. Ma è importante definire la tua condizione prima di fare qualsiasi cosa e non esitare a consultare il tuo urologo se non sei sicuro.

Per le donne ansiose e insonni:

L’assunzione di acido γ-aminobutirrico (GABA) migliora la nicturia nelle donne aumentando la capacità vescicale. Ossia, distende la muscolatura liscia della vescica, permettendole così di riempirsi correttamente.

Il GABA riduce le contrazioni involontarie della vescica, placa l’ansia legata al bisogno incontenibile di urinare e migliora significativamente la qualità del sonno. Basti dire che l’assunzione di GABA si traduce in una significativa riduzione della tensione emotiva, in una riduzione della frequenza degli attacchi di panico e, a lungo termine, in un vero effetto antidolorifico!

gaba

Per gli uomini che soffrono di ipertrofia prostatica benigna:

L’assunzione di estratto di radice di ortica contribuisce alla regressione della prostata voluminosa che comprime l’uretra.

Il suo apporto riduce il gonfiore, diminuisce l’infiammazione e permette alla vescica di svuotarsi completamente, migliorando notevolmente la nicturia nell’uomo. L’estratto di radice di ortica riduce la frequenza delle minzioni notturne. Questa azione sarebbe simile a quella di un farmaco tradizionale di tipo «inibitore della 5-alfa reduttasi» (finasteride, avodart, dutasteride), ma senza alcun effetto indesiderato (impotenza, eiaculazione anomala, disfunzioni erettili) sull’attività sessuale. Basti dire che l’estratto di radice di ortica «rende» l’ormone sessuale maschile (testosterone) più attivo per un netto miglioramento della libido maschile!

saw-palmetto-nettla-root_1

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail